->Introduzione
->Home Page
->News
->Le vostre foto
->Non solo carpe
->Foto di Giuseppe
->Leggi Guestbook
->Firma Guestbook
->La carpa
->Attrezzatura
->Montature
->Terminali
->Boiles
->Le vostre ricette
->Pop up
->Particles
->Tiger nuts
->Patate
->Pasturazione
->Carpfishing 2000
->Links
->Itinerari
Scrivimi

Pop up

(Sito creato da Giuseppe Trovato)

D-rig pop up


Boiles pop up

Innesco

Innesco bilanciato

Particles pop up

Innesco neutro

Nel carpfishing moderno assume una grande rilevanza l'utilizzo delle esche galleggianti, infatti queste vengono utilizzate sia per far fronte alla eccessiva pressione piscatoria che ha reso le carpe particolarmente diffidenti, soprattutto nei laghi inglesi, sia per far risaltare maggiormente l'innesco tra la pastura che giace sul fondo, sia per evitare che l'esca rimanga nascosta tra la vegetazione o tra il fango di fondali particolarmente melmosi.

Torna sopra


Boiles pop up

Esistono diversi sistemi per la preparazione delle boiles pop up.

Un metodo consiste nel cuocere le boiles nel forno: questa cottura tende a disidratare le esche ed a renderle porose oltre che a creare una crosta esterna molto dura che le rende praticamente impermeabili. La cottura dura diversi minuti ed è importante girare continuamente le boiles, per evitare che la parte a contatto con il forno si bruci.

Un altro sistema consiste nel produrre delle boiles che contengano, al centro, una pallina di sughero o di polistirolo e di sottoporle a cottura, possibilmente a vapore, in modo da non ridurre il più possibile la dispersione dell'aroma (inevitabile nella cottura al forno.

Esiste, inoltre, un altro sistema  per creare le pop up: con un particolere attrezzo (punzone) si crea un foro che attraversi la boile e vi si inserisce una sorta di spugna galleggiante (rig foam) che all'occorrenza può anche essere intrisa d'aroma per potenziare le capacità attrattive della nostra pop up.

Si possono utilizzare anche dei "dischetti di rig foam" (si può trovare in vendita a fogli da ritagliare successivamente) che o di una particolare "pasta galleggiante" (floating putty) inserendoli tra le due metà di una boile precedentemente tagliata.

Appena le pop up sono pronte è conveniente reintegrare l'aroma evaporato durante la cottura mettendole in un sacchetto insieme a quello utilizzato per la preparazione.

Torna sopra


Innesco

Per l'innesco delle Pop Up spesso è sconsigliato praticare un buco all'esca per inserire il terminale, per non compromettere la capacità di galleggiamento (per effetto del maggiore assorbimento d'acqua); altre volte è impossibile a causa della pallina di sughero inserita al cetro dell'esca.
Per questo motivo è preferibile legare le boiles pop up all'amo con un piccolo cappio.

Torna sopra


Innesco bilanciato

In questo innesco è necessario bilanciare la spinta della boiles verso l'alto utilizzando un pallino di piombo ad una distanza che può variare da 1 a circa 5 cm dall'amo; questa operazione deve essere eseguita con cura per non compromettere la naturalezza dell'esca. In questo modo l'esca risalterà notevolmente sul fondale.

Torna sopra


Innesco neutro

Questo si realizza innescando prima una boiles normale poi una pop up, affinché l'innesco risulti perfettamente bilanciato, ottenendo così che l'esca si sollevi leggermente da terra.

Torna sopra


Particles pop up

Anche le particles si prestano ad essere utilizzate per la realizzazione di inneschi pop up.

Questi sono molto semplici da realizzare, infatti è sufficiente alternare alle particles delle palline di polistirolo o del rig foam ( una sorta di "schiuma galleggiante").

Torna sopra



Inviami tanto materiale ed io sarò felice di pubblicarlo...




Torna sopra

La riproduzione, anche parziale, di questo sito è vietata dalla legge.


   Forum


Username: Password:
Recupera Username e Password
Richiedi registrazione
Informativa sulla privacy
Scrivimi